NADIA TOFFA, IL CANCRO È UN DONO. È BUFERA SUI SOCIAL

È polemica nelle ultime ore sul caso di Nadia Toffa, conduttrice televisiva conosciuta per il programma “Le Iene”. In occasione dell’uscita del suo libro, la biondina tutto pepe ha shoccato il web con le sue ultime dichiarazioni sul cancro. Ma andiamo con ordine.

Mesi fa la notizia di un malessere improvviso di Nadia Toffa rimbalzò su tutti i telegiornali, tenendo col fiato sospeso tutti coloro che la conoscono. Fu lei stessa, un po’ di tempo più tardi, proprio durante una diretta delle Iene, a dare aggiornamenti circa il suo stato di salute: purtroppo era stata colpita da un tumore. Ma tra l’affetto dei suoi amici e colleghi, e tra un pubblico acclamante, la ragazza dichiarò che non si sarebbe arresa ed avrebbe combattuto strenuamente.

Poche ore fa, però, le sue parole hanno lasciato l’amaro in bocca a tante persone. A far discutere è stato un suo tweet con cui promuoveva l’uscita del libro.

Ecco qui Ragazzi, in questo libro vi spiego come sono riuscita a trasformare quello tutti che tutti considerano una sfiga, il cancro, in un dono, un’occasione, una opportunità. pieno damore . Non ho mai sospeso la vita e come ci sono riuscita io ….buona giornata a tutti

Questi sono gli screenshot integrali di come è iniziata la lunga discussione sotto al suo tweet, che poi è degenerata. Potete leggerla tutta cercando su Twitter il suo account @NadiaToffa.

Riassumendo: lei insisteva sul “se ce l’ho fatta io può farcela chiunque“, contestando tutti gli utenti che, a ragione, le rispondevano che un cancro purtroppo non si cura soltanto assumendo un atteggiamento positivo, anzi, talvolta questo male è così tremendo da impedire di condurre una vita autonoma e dignitosa.
La questione sarebbe potuta finire qui, limitarsi ad una divergenza di opinioni e null’altro, ma non è stato così: la Toffa, reagendo alle risposte degli utenti di Twitter, ha tirato fuori anche qualche perla inopportuna, arrivando ad una serie di offese gratuite, anche nei confronti degli esperti in materia.

Qui lo screen in cui si scaglia pesantemente contro una studentessa:

Insomma, che il cercare di vivere positivamente, restare attivi e coltivare il pensiero positivo sia un buon atteggiamento nei confronti delle malattie, non c’è alcun dubbio. Ma asserire che “dipende solo da noi” e che tutti i tumori sono uguali, è una convinzione errata ed un messaggio fuorviante per chi legge e ascolta.

Le uscite di Nadia Toffa hanno generato così tanto scalpore per due motivi principali:

1. Ha colpito nel vivo tante persone che hanno vissuto direttamente o indirettamente l’esperienza della malattia e molto spesso, purtroppo, hanno perso la battaglia. Molti, infatti, si sono sentiti feriti nel leggere un’opinione così banale e qualunquista, secondo cui tutto dipende solo dalla propria volontà e tutti i tumori sono uguali.

2. I fan della “Iena” hanno provato una enorme delusione nel constatare che la propria eroina ha fatto l’unico scivolone che non ai sarebbero mai aspettati: “Le Iene”, infatti, è un programma famoso per il suo impegno nello smascherare falsi medici, falsi psicologi, santoni e ciarlatani che pretendevano di curare le malattie (tra cui il cancro) con il pensiero positivo, cure bizzarre e preghiere. Che proprio la Toffa, ora, a molti sia sembrata una “guru” del pensiero positivo, scagliandosi contro l’opinione medica, fa un po’ storcere il naso.

Qualsiasi siano i motivi dell’indignazione delle persone, è stato lanciato un hashtag per poterlo twittare e gridare al mondo il proprio disappunto: #ilcancrononèundono

Che sia una trovata pubblicitaria per vendere il suo libro? Una strategia di marketing? Che la malattia abbia compromesso le facoltà della ragazza? Che questo sia il suo vero pensiero e con “Le Iene” abbia solo recitato un copione da portare in tv? Non lo sappiamo, ma quel che è certo è che la situazione sembra davvero esser(le) sfuggita di mano.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: